Renzi ai giovani dem: ''Non lasciamo Roma ai ladri''

Pubblicato il

ll presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante l'intervento alla 'Factory365', lega i destini del Partito democratico e del governo. E rivolgendosi ai Giovani democratici, organizzatori dell'evento, ai quali indica lo scopo del Pd dice: "Siamo qui per cambiare il paese che quelli prima di noi non sono riusciti a cambiare. Dobbiamo restituirlo non solo più bello, ma più semplice. Un risultato finora ottenuto grazie alla vittoria alle elezioni europee che ha portato Grillo a tornare fare i suoi tour. Ora dicono che nei M5S uno non vale più uno. Ma io non penso che uno vale uno: ciascuno conta come gli altri, ma se ciascuno di voi si mette in gioco vale molto di più". 

All'altro avversario politico, invece, Matteo Salvini, dice: "Non serve la demagogia di chi da 20 anni ti rappresenta ma non è stato in grado di risolvere problemi". Poi Renzi affronta temi legati alla politica interna del partito, allontando le divisioni tra correnti e augurandosi che i giovani dem facciano la politica per passione, la stessa che dovrà mettere l'Italia in Expo 2015. Infine un commento sull'inchiesta che ha sconvolto la politica romana: "Non lasceremo la Capitale in mano ai ladri. Noi facciamo pulizia al nostro interno. Noi siamo garantisti sempre, desiderosi che si vada a processo e si facciano le sentenze". 

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Con tag Politica

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post