Castel Volturno - La provocazione del sindaco: consigliere lucciole per finta

Pubblicato il

Giovani consigliere comunali prostitute per finta, tacchi a spillo e minigonna che attirano clienti, fissano la tariffa per la prestazione, si prestano al gioco per denunciare, insieme al sindaco, l'abbandono da parte dello Stato di un territorio caratterizzato da prostituzione, criminalità, degrado ambientale e sociale. Ai clienti il primo cittadino, con tanto di fascia tricolore, mentre è in corso la 'contrattazione', ripresa da telecamere, interviene consegnando loro, provocazione nella provocazione, un depliant per fare, dopo il rapporto a pagamento, anche la raccolta differenziata.

Accade sulla strada statale Domiziana, a Castel Volturno, provincia di Caserta, dove il primo cittadino, Dimitri Russo, con la collaborazione delle consigliere Anastasia Petrella e Stefania Sangermano, ha voluto denunciare lo stato di isolamento del suo Comune rispetto ai problemi che soffocano un territorio conosciuto ormai come parte della 'terra dei fuochi'. Il sindaco ha voluto anche un video - uno spot - che testimonia la messa in scena per la quale è stato coniato l'hashtag: #siamosoli.

Castel Volturno - La provocazione del sindaco: consigliere lucciole per finta

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post