Genova - 'Ndrangheta, la Dia confisca 2,5 milioni di beni ai fratelli Gaglianò

Pubblicato il

Beni per un valore di due milioni e mezzo di euro sono stati confiscati dalla Dia di Genova ai fratelli Aldo ed Ercole Gaglianò, che secondo l'accusa sono affiliati alla cosca Facchineri della 'ndrangheta dagli anni ottanta. Le confische sono avvenute tra Tortona, in provincia di Alessandria e Cittanova, Reggio Calabria. Il padre dei due, Giuseppe, fu ucciso a Genova nel 1978 nell'ambito della faida di Cittanova, che contrapponeva la 'ndrina Facchineri a quella Raso-Gullace-Albanese, e un fratello, Luciano, venne assassinato nel 1991 - sempre a Genova - da esponenti del clan mafioso siciliano Fiandaca-Emanuello, ritenuto legato alla famiglia Madonia, quella dominante di Cosa nostra a Caltanissetta. Per Aldo e Ercole Gaglianò, da tempo residenti a Genova, la Corte di Appello di Reggio Calabria ha disposto la confisca dei beni, ritenuti di provenienza illecita e di valore sproporzionato rispetto alla situazione patrimoniale accertata e quella reddituale loro, delle mogli e dei figli.

Genova - 'Ndrangheta, la Dia confisca 2,5 milioni di beni ai fratelli Gaglianò

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post