Cdm, approvato il ddl di riforma della Rai

Pubblicato il

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Ddl di riforma della Rai. Un Cdm breve, durato poco meno di un'ora e mezza e in cui l'esecutivo ha disegnato il futuro dei vertici di viale Mazzini. Nel disegno dell'esecutivo l'attuale governance della Rai verrà sostituita da un Consiglio d'amministrazione con 7 membri e un amministratore delegato con poteri rafforzati. Per quanto riguarda le nomine i membri del CdA dovrebbero essere eletti due dalla Camera, due dal Senato, due dal Tesoro (uno dei quali indicato come ad) e l'altro dai dipendenti. Ad illustrare la riforma è stato direttamente il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha sottolineato i nuovi poteri dell'ad, intesi come maggiore responsabilità nel guidare l'azienda di servizio pubblico televisivo.

Parole d'ordine quindi, secondo il premier, sono riduzione del Cda, una Vigilanza che controlla e un ad che gestisce la Rai senza dipendere dalla politica e dai partiti. In prospettiva Renzi ha ipotizzato che la sua idea sarebbe quella di una Rai dove il canone venga pagato dalla fiscalità generale e non dai cittadini. Un discorso però che lo stesso premier ha rinviato al futuro perché in questo caso cambierebbe anche il sistema pubblicitario. Per quanto riguarda i tempi tocca adesso al Parlamento, ha ribadito Renzi, valutare il ddl altrimenti "se non sarà possibile approvarla nomineremo il nuovo Cda con la Gasparri".

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Con tag Politica

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post