Francesco Schiavone tenta il suicidio in carcere: "Meglio la morte che vivere come animali"

Pubblicato il

Detenuto nel carcere de L’Aquila in regime di 41/bis, Francesco Schiavone, cugino dell’omonimo e più noto esponente della camorra conosciuto come 'Sandokan', ha tentato per due volte di togliersi la vita: la prima tentando di impiccarsi con una corda al collo e una busta di plastica in testa, la seconda tagliandosi le vene dei polsi. La vicenda è stata resa nota dal Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni, con cui Schiavone da mesi intrattiene un carteggio sulle condizioni di vita all’interno del carcere abruzzese.

Nei mesi scorsi Schiavone, tramite i suoi avvocati, aveva presentato ricorso alla magistratura di Sorveglianza per le condizioni inumane di detenzione e per l’esiguità dello spazio a sua disposizione. Il tribunale di Sorveglianza ha accolto il ricorso ma contro la decisione del magistrato di sorveglianza si è appellato il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. "Mi hanno salvato - scrive Schiavone in una lettera indirizzata al Garante - ma era meglio se non lo facevano, nella disumanità che si vive in questa condizione la morte è una liberazione. (…) Qui un ergastolano vive come un animale legato da solo a una catena e non può muoversi, comincia a mordersi da solo. Così mi sento io perché i diritti mi sono stati tolti e mi sento come un cane da solo, comincio a mordermi per fare una galera più dignitosa. Umana. (…) Ho perso la fiducia in me stesso e penso che solo la morte mi può salvare da questa ingiustizia". Sulla vicenda il Garante ha inviato una lettera al Dap chiedendo chiarimenti, in particolare, sulle condizioni di detenzione dei reclusi in regime speciale all’interno del carcere aquilano.

Francesco Schiavone tenta il suicidio in carcere: "Meglio la morte che vivere come animali"

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post