G8 Genova, Strasburgo condanna l'Italia per tortura

Pubblicato il

I giudici della Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo hanno stabilito all'unanimità, che l'Italia violò l'articolo 3 della Convenzione sui diritti dell'uomo, che vieta la tortura, durante l'irruzione alla scuola Diaz di Genova nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001, in occasione del G8. All'origine del procedimento c'è un ricorso presentato da Arnaldo Cestaro, rappresentato dagli avvocati Nicolò e Natalia Paoletti, Joachim Lau e Dario Rossi. Nel ricorso, l'uomo, che all'epoca dei fatti aveva 62 anni, afferma che quella notte fu brutalmente picchiato dalle forze dell'ordine tanto da dover essere operato, e da subire ancora oggi ripercussioni per le percosse subite.

Cestaro, rappresentato dall'avvocato Nicolò Paoletti, sostiene che le persone colpevoli di quanto ha subito sarebbero dovute essere punite adeguatamente, ma che questo non è mai accaduto perché le leggi italiane non prevedono il reato di tortura o reati altrettanto gravi. I giudici hanno deciso all'unanimità che lo Stato italiano ha violato l'articolo 3 della Convenzione sui diritti dell'uomo, che recita: "Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti". Non solo hanno riconosciuto che il trattamento che gli è stato inflitto deve essere considerato come "tortura". Nella sentenza i giudici sono andati oltre, sostenendo che se i responsabili non sono mai stati puniti, è soprattutto a causa dell'inadeguatezza delle leggi italiane, che quindi devono essere cambiate. Inoltre la Corte ritiene che la mancanza di determinati reati non permette allo Stato di prevenire efficacemente il ripetersi di possibili violenze da parte delle forze dell'ordine. L'Italia dovrà versare a Cestaro un risarcimento di 45mila euro.

G8 Genova, Strasburgo condanna l'Italia per tortura

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post