Usa, sparatoria in un college dell'Oregon: 10 morti

Pubblicato il

Sparatoria all'Umpqua Community College di Rosenburg, in Oregon. Un 26enne che abitava nella zona, Chris Harper Mercer, ha aperto il fuoco uccidendo dieci persone e ferendone altre 10, alcune in gravi condizioni. Quasi tutte le vittime sono studenti, colti di sorpresa mentre stavano facendo lezione in classe. Durante uno scontro a fuoco con la polizia il killer è rimasto ucciso. Il giovane che ha aperto il fuoco, è entrato classe per classe. Ogni volta, secondo quanto riferito, ha fatto alzare in piedi le persone all'interno chiedendo loro di che religione fossero. "Ha chiesto loro se fossero cristiani. Se la risposta era sì, gli sparava alla testa, se era no, gli sparava alle gambe", ha raccontato una ragazza.

L'omicida è quindi rimasto a sua volta ucciso nel corso dello scontro a fuoco ingaggiato con gli agenti di polizia intervenuti tempestivamente sul posto. Aveva con sé tre pistole, un fucile e, sembra, un giubbotto antiproiettile. Subito dopo l'inizio della sparatoria, il terrore è andato in scena anche sui social media, con alcuni degli studenti che hanno cominciato a twittare. "O mio Dio, stanno sparando", ha scritto Kayla Marie. "Gli studenti stanno fuggendo ovunque, mio Dio". Poi un altro tweet: "Ciao. Sto bene. Fisicamente. Ci stanno portando via dal campus con il bus". Il killer mercoledì sera potrebbe aver lanciato un avvertimento di quanto stava per compiere. Sul sito 4chan è infatti apparso un post in cui un utente invitava gli studenti nel nord-ovest a non recarsi a scuola giovedì.

Usa, sparatoria in un college dell'Oregon: 10 morti

Con tag Mondo

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post