Caso Maugeri, chiesti nove anni per Formigoni

Pubblicato il

Nove anni di carcere. E' la condanna chiesta dai pm di Milano, Laura Pedio e Antonio Pastore, per Roberto Formigoni, imputato per associazione per delinquere e corruzione nel caso Maugeri. I pm hanno chiesto altre nove condanne, e in particolare 8 anni e 8 mesi per il faccendiere Pierangelo Daccò e per l'ex assessore lombardo Antonio Simone.

Secondo l'accusa dalle casse della Maugeri sarebbero usciti circa 61 milioni di euro tra il 1997 e il 2011 e dalle casse del San Raffaele tra il 2005 e il 2006 altri nove milioni di euro. Tutti soldi che sarebbero confluiti sui conti e sulle società di Daccò e Simone, presunti collettori delle tangenti, i quali poi avrebbero garantito circa otto milioni di euro in benefit di lusso, tra cui vacanze, l'uso di yacht e finanziamenti per la campagna elettorale, all'allora governatore lombardo Formigoni. E lui in cambio, sempre secondo l'accusa, avrebbe favorito la Maugeri e il San Raffaele con atti di giunta garantendo rimborsi indebiti (circa 200 milioni di euro per la Maugeri). Secondo i pm, Formigoni, così come Daccò, Simone e altri imputati, non merita la concessione delle attenuanti generiche e deve essere condannato a nove anni di carcere.

Roberto Formigoni

Roberto Formigoni

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post