Regeni arrestato dalla polizia, ma il Cairo smentisce

Pubblicato il

Giulio Regeni sarebbe stato detenuto dalla polizia e trasferito presso una struttura della Sicurezza nazionale lo stesso giorno in cui è scomparso il 25 gennaio, nell'anniversario della rivoluzione di piazza Tahrir. Lo riferiscono fonti anonime dell'intelligence egiziana, secondo quanto riportato dall'emittente televisiva locale "Ghad al Arabi". Le fonti hanno riferito che il ricercatore italiano sarebbe stato fermato insieme a un cittadino egiziano da agenti della polizia in borghese nei pressi della stazione della metropolitana Gamal Abdel Nasser.

Tuttavia, in seguito fonti del ministero dell'Interno hanno smentito che la polizia abbia arrestato lo studente. Secondo la ricostruzione dell'intelligence, non è chiaro se la persona fermata con l'italiano fosse un suo conoscente, così come non è stato reso noto il motivo per cui i due sarebbero stati fermati: quel giorno la sicurezza nella capitale era stata rafforzata nel timore di proteste contro il governo.

Giulio Regeni

Giulio Regeni

Con tag Mondo

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post