Alatri, il pestaggio mortale di Emanuele: otto indagati per omicidio volontario

Pubblicato il

Sono accusati di omicidio volontario per la morte di Emanuele Morganti anche le altre 6 persone finora indagate solo per rissa, secondo quanto si apprende dal legale di uno di loro. Si tratta di Franco Castagnacci, padre di Mario - con Paolo Palmisani uno dei due giovani in carcere - e di quattro buttafuori del Mirò dove è avvenuta la lite iniziale ad Alatri, sfociata poi nel pestaggio mortale del giovane al di fuori del locale. Per tutti dunque l'accusa è di omicidio volontario con l'aggravante dei futili motivi e rissa. 

Oltre a Mario Castagnacci, 27 anni, e Paolo Palmisani, 24, detenuti nel carcere di Regina Coeli, avrebbero ricevuto l'avviso di garanzia anche Franco Castagnacci, padre di Mario, 50 anni, i buttafuori Michael Ciotoli, Damiano Bruni, entrambi 27enni, Manuel Capocetta, 28 anni, tutti e tre di Ceccano, e Xhemal Pjetri, 32 anni, albanese e residente a Ferentino. Indagato anche Michel Fortuna, 24 anni, di Frosinone. Il quadro probatorio non è ancora stato completato dagli investigatori che venerdì mattina con il supporto dei carabinieri del reparto investigazioni scientifiche effettueranno il prelievo di tracce biologiche e impronte sulla vettura, una Skoda, sequestrata e sulla quale Emanuele Morganti avrebbe sbattuto la testa cadendo dopo il violento pestaggio. 

Emanuele Morganti

Emanuele Morganti

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post