Movida spaccatimpani, la denuncia dei residenti: «In via di Mezzo costretti a subire frastuono fino a notte fonda»

Pubblicato il da Roberta Salzano

Musica dal vivo e schiamazzi fino a notte fonda in via di Mezzo, esposto alla procura della Repubblica di Nocera Inferiore. La denuncia è stata presentata da un residente, costretto a convivere con rumori molesti che si protraggono fino all'1.30 quando va bene, senza distinzione di sorta tra giorni infrasettimanali e weekend. «Dormire è diventato impossibile - racconta amareggiato - rumori molesti e musica piombano nella mia camera da letto senza che io possa fare alcunché. Ho sollecitato più volte le autorità competenti a intervenire, ma nulla si è mosso. Così ho deciso di rivolgermi alla Procura della Repubblica, con l'auspicio di ritrovare la quiete persa». 

Un mese fa gli abitanti del quartiere hanno deciso di costituirsi in comitato «Centro storico di Angri» e hanno scritto una lettera al sindaco Ferraioli per fare il punto della situazione nel centro storico, tra disservizi e controlli al lumicino dopo le 21.

Sullo sfondo un incontro con gli esercenti - datato luglio 2015 - che si è svolto alla casa del Cittadino, durante il quale gli abitanti hanno chiesto il potenziamento dei controlli e i titolari di alcune attività si sono impegnati a installare telecamere di videosorveglianza e ad assumere personale per la vigilanza. Il progetto finora non è decollato mentre con un'ordinanza del primo cittadino, che continua a essere disattesa, sono state fissate regole e orari per locali e avventori, attenzione alla pulizia e al decoro urbano con sanzioni dai 25 ai 500 euro per i trasgressori. Una situazione, che complica la convivenza tra residenti e attività.

Il Mattino di Salerno dell'8 giugno 2018

Movida spaccatimpani, la denuncia dei residenti: «In via di Mezzo costretti a subire frastuono fino a notte fonda»

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post