Bufera sul centro anziani, revocato il commissario

Pubblicato il da Roberta Salzano

Centro anziani; revocato il commissario Francesco Viviani. Il provvedimento firmato martedì dal commissario prefettizio, Alessandro Valeri, arriva dopo la nota firmata da alcuni iscritti alla struttura nella quale è stata espressa la volontà di eleggere gli organi per l'autogestione. Modalità quest'ultima, che insieme all'affidamento della struttura a un'associazione esterna sono le uniche tipologie previste dal regolamento approvato a ottobre del 2017 in consiglio comunale. 

Viviani è stato nominato lo scorso ottobre dal sindaco Cosimo Ferraioli, in attesa che l'ex responsabile dei servizi sociali avviasse le procedure di gara per la gestione della struttura dopo che era scaduta la convenzione della durata di un anno con l'associazione Noi e Voi. Ma l'iter amministrativo non è mai cominciato mentre il centro si è trasformato da spazio di aggregazione a luogo di scontri e aspre divisioni. Complice il prossimo appuntamento elettorale, che ha spinto alcuni consiglieri di opposizione al pressing sui nonnini, per acuire le rotture interne.
 
Ad alimentare contrasti nei mesi scorsi è stata inoltre la decisione dell'amministrazione Ferraioli di garantire maggiore partecipazione alle attività del centro, fissando come unico paletto il requisito anagrafico. Ovvero aver compiuto 65 anni di età. 
 
LA SICUREZZA
 
Un passo indietro avvenuto solo nell'ultimo anno, rispetto a quanto previsto dalla manifestazione di interesse indetta dal Comune 2016 quando si è deciso che per esigenze di sicurezza la struttura - oggetto di lavori di ampliamento - non potesse ospitare più di 50 anziani. In quella circostanza l'avviso pubblico escluse, tra le polemiche, numerosi partecipanti, ospitati nella casa del Combattente in piazza Doria. 
 
Il Mattino di Salerno del 14 agosto 2019
Alessandro Valeri

Alessandro Valeri

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post