Rio Sguazzatoio, allarme plastica: il corso ripulito dai volontari

Pubblicato il da Roberta Salzano

 
Fiume Sarno: è allarme plastica nel tratto compreso tra Angri e San Marzano. A lanciare l'sos sono stati gli attivisti del Fronte Civile, che dopo aver avviato una mobilitazione in rete che ha ricevuto adesioni da parte di cittadini e associazioni, hanno ripulito il tratto del Rio Sguazzatoio che sfocia nel fiume Sarno da erbacce, pneumatici, tavolini, fusti speciali e ingombranti sversati illecitamente. Ad aprile dell'anno scorso sono state persino rinvenute pecore morte ed è stato necessario il supporto dei veterinari dell'Asl.
 
L'ACCORDO
 
A gennaio del 2017 è stato sottoscritto l'accordo di programma tra Angri e San Marzano Sul Sarno e il Consorzio di Bonifica, per i lavori di manutenzione straordinaria del canale, che ammontano a un milione di euro e devono essere eseguiti dalla Regione. Ma nulla è stato ancora fatto e la situazione è destinata a peggiorare con l'arrivo delle piogge. Sulla vicenda è intervenuto anche il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli: "L’azione dei volontari può tamponare la situazione, ma non risolverla. Serve un forte intervento di tutte le istituzioni, non possiamo più permettere che il fiume Sarno sia lo sversatoio di cialtroni e delinquenti. Sono anni che si parla della bonifica, che nei fatti non è stata mai completata".
 
Il Mattino di Salerno del 20 agosto 2019
Rio Sguazzatoio, allarme plastica: il corso ripulito dai volontari

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post