Incentivi ai dipendenti, Comune citato in giudizio

Pubblicato il da Roberta Salzano

Premi incentivanti 2018 ai dipendenti del Comune; Uil e Cisl citano in giudizio l'ente per condotta antisindacale. Di contro il commissario prefettizio Valeri, incarica l'ufficio Avvocatura di costituirsi in giudizio. Nel mirino il mancato rispetto degli accordi assunti tra i rappresentati dei sindacati e l'ex segretario generale Maria Brigida Tedesco, che non ha concluso le procedure. A giugno dopo sette mesi di empasse e due tavoli andati deserti in Prefettura per il raffreddamento dello stato di agitazione, è stato sbloccato il fondo per la liquidazione degli incentivi. E nominata la commissione di parte pubblica, per supervisionare la distribuzione dei premi. 
 
Le risorse ammontano a 450mila euro e potevano essere erogate già a febbraio, quando era stato chiuso l'accordo tra l'amministrazione Ferraioli e i sindacati. Ma i tempi sono slittati per la mancata predisposizione degli atti prima da parte dell'ex responsabile del personale, Alfonso Toscano, e poi da Antonio Lo Schiavo subentrato a marzo. Anche l'ex segretario Paola Pucci non ha ultimato l'iter, nonostante l'affidamento di un incarico retribuito a un esperto esterno, per la costituzione del fondo decentrato. Inadempienze, che hanno costretto i sindacati a ricorrere al giudice del lavoro.
 
Il Mattino di Salerno dell'8 agosto 2019
 
 
 
 
 
Incentivi ai dipendenti, Comune citato in giudizio
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post