Villa comunale, polemica sulle targhe pubblicitarie

Pubblicato il da Roberta Salzano

Targhe pubblicitarie sulle aiuole della villa comunale. L'occasione la mostra temporanea organizzata dall'associazione Il Circolo delle Arti. Monta la polemica ad Angri; a sollevare il caso il consigliere di opposizione Eugenio Lato. <<Le sponsorizzazioni da parte di ditte private devono essere autorizzate dalla Soprintendenza per i Beni Culturali - ha detto - considerato che la villa è sottoposta a vincolo. Inoltre, prima di pubblicizzare aziende che operano sul territorio e personaggi discutibili in un bene di proprietà della collettività, con tanto di targa, occorrerebbe maggiore cautela>>. Il riferimento è a un affiliato del clan Loreto-Ridosso scomparso l'anno scorso.

LE STRUTTURE

Già lo scorso giugno la mostra, patrocinata dal Comune, ha subìto lo stop da parte dell'ufficio tecnico perché non era stato rispettato il progetto per le installazioni. Il montaggio delle sculture era stato infatti autorizzato dall'ufficio territorio su supporti in legno e non basi in ferro e cemento, che furono fatte smontare e sostituire.

Il Mattino di Salerno del 22 agosto 2019

 

NB: Le targhe sono state rimosse questa mattina perché il regolamento sugli impianti pubblicitari approvato in consiglio comunale il 27 dicembre 2017 vieta la loro installazione nei beni sottoposti al vincolo della Soprintendenza per i beni culturali e nel centro storico

 
 
Villa comunale, polemica sulle targhe pubblicitarie

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post