Giunta ko, in attesa del Tar: caccia ai candidati sindaco

Pubblicato il da Roberta Salzano

A una settimana dall'esito del ricorso al Tar presentato dal sindaco Cosimo Ferraioli contro il provvedimento di sospensione di giunta e consiglio da parte della Prefettura, è partito il toto nomi per le prossime elezioni amministrative. Grandi manovre tra le forze di opposizione, per individuare il futuro primo cittadino. Tra i nomi che circolano spuntano due new entry: Giuseppe De Simone e Salvatore Tedesco, ingegneri che lavorano a Stoccolma e Copenhagen.

Della partita anche Alfonso Scoppa, ex consigliere dell'amministrazione Mauri, che per questa tornata potrebbe correre da solo. In lizza anche Andrea Postiglione, nipote del prefetto Umberto, che al momento può contare sul sostegno dei giovani dell'associazione Giovamenti (area democrat ndr). E Ferruccio Salvatore Iaccarino, che ha lanciato di recente il movimento <<Un patto d'amore per Angri>>.

A questi candidati si aggiungono l'ex sindaco Pasquale Mauri, sostenuto dai fedelissimi e dal Partito Democratico.
E Alberto Milo dei Popolari angresi. Uno scenario politico, che se dovesse trovare conferme nei prossimi mesi, rischia di determinare una frammentazione tra gli aspiranti candidati a sindaco maggiore rispetto al numero presente nel 2015.

LE ALLEANZE

Le divergenze tra i soggetti in campo, renderanno difficile l'ipotesi di alleanze e apparentamenti in vista del ballottaggio. Al momento mancano proposte alla città e soluzioni ai suoi problemi sul profilo urbanistico, ambientale, della viabilità, della sicurezza, della vivibilità e dei servizi essenziali, carenti in numerosi quartieri.

Il Mattino di Salerno del 5 settembre 2019

Giunta ko, in attesa del Tar: caccia ai candidati sindaco

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post