Cimitero, atti sbagliati: slitta ancora il dissequestro

Pubblicato il da Roberta Salzano

Documentazione errata, slitta il dissequestro del cimitero: esumazioni a rischio. Questo in sintesi quanto si è verificato dopo che la Procura della Repubblica ha respinto per la seconda volta la richiesta inoltrata dall'ufficio avvocatura del Comune, per liberare le aree ancora inaccessibili a quattro mesi di distanza dal blitz dei carabinieri 
Una circostanza, che da giugno ha determinato il blocco delle esumazioni mentre la ricerca di un sito alternativo dove depositare i materiali non ha prodotto risultati. Al punto che c'è il rischio di una nuova emergenza, finora scongiurata per la disponibilità di buche. Al momento ne sono rimaste quattro ma la situazione è destinata a peggiorare nei prossimi giorni. 

 
L'ORDINANZA
 
Nessun piano B è stato individuato dal commissario prefettizio Alessandro Valeri, che per tamponare l'emergenza ha con una ordinanza disposto la chiusura del cimitero per questa mattina, per motivi di igiene pubblica. Obiettivo eseguire alcune esumazioni in via straordinaria. La struttura sarà quindi interdetta al pubblico dalle 12 e fino alle 18, oltre quini l'orario di lavoro previsto per i due necrofori in servizio. 

Sul fronte dei lavori, invece, è stato ultimato il recupero dei porticati, interdetti agli utenti a causa del distacco di intonaco. Per il loro restyling sono stati stanziati dal Comune 18mila euro, in regime di somma urgenza per manutenzione ordinaria e straordinaria. Ancora da completare invece i lavori nella sala autoptica mentre i locali utilizzati dai necrofori sono tutt'ora off-limits. Il criptoportico e il frontespizio dei porticati sono stati oggetto di lavori di ristrutturazione da parte dell'amministrazione Ferraioli nel 2017, per un importo di 100mila euro. 
 
Il Mattino di Salerno del 4 ottobre 2019
Cimitero, atti sbagliati: slitta ancora il dissequestro

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post