Per l'eredità di Ferraioli è già caccia ai candidati

Pubblicato il da Roberta Salzano

A pochi giorni dall'iniziativa pubblica promossa il 10 novembre da cinque ex sindaci sul ruolo delle assemblee elettive, trapelano le prime indiscrezioni sui nomi dei candidati a primo cittadino. Massimo Padovano, ex consulente per la gestione dei fondi europei nel Patto territoriale dell'Agro nominato dall'ex sindaco Postiglione per la redazione del piano di recupero dell'ex Mcm, sarebbe il nome più vicino al prefetto Postiglione e all'ex sindaco Bartolo D'Antonio. Mentre Giuseppe La Mura e Giuseppe Chiavazzo punterebbero su Rita Zenna, ex direttore generale del Consorzio Farmaceutico comunale ed ex segretario del partito socialista locale. Nomi, che manderebbero in archivio la candidatura del nipote del prefetto, Andrea Postiglione. L'obiettivo dei cinque è lavorare su un progetto civico intorno al quale formare una classe dirigente di spessore. In questo schieramento si ricollocano l'ex assessore dell'amministrazione Ferraioli, Caterina Barba, e l'ex consigliere di maggioranza Luigi D'Antuono

Della partita inoltre l'ex sindaco, Pasquale Mauri, che ha inaugurato un centro anziani a Corso Italia, e l'ex consigliere di opposizione Alberto Milo insieme al gruppo Popolari angresi. Insistenti le voci che vedrebbero l'ex consigliere Eugenio Lato candidato allo scranno di primo cittadino, supportato dagli attivisti del Fronte Civile. Nessuna riserva è stata invece sciolta dal sindaco uscente, Cosimo Ferraioli, a un mese dall'esito del ricorso al Tar presentato contro il provvedimento di sospensione della Prefettura. Arrivato il 12 luglio per la mancata approvazione nei termini del consuntivo 2018 e seguito il 17 ottobre dal decreto di scioglimento del Comune. 
 
LE INCERTEZZE
 
Una campagna elettorale, che stenta a decollare e si caratterizza per un quadro politico incerto dove la discussione è più attenta ai nomi che ai problemi della città. Alle prese con carenza di servizi, inadeguatezza del sistema fognario, assenza di verde pubblico e attrezzature. Assenza di un piano viabilità, che eviti di mandare in tilt una comunità nelle ore di punta, e più aree parcheggio.
 
Il Mattino di Salerno del 5 novembre 2019
Per l'eredità di Ferraioli è già caccia ai candidati

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post