Lega e Fdi mollano i simboli, il centrodestra si conta con le civiche

Pubblicato il da Roberta Salzano

La Lega e Fratelli d'Italia saranno presenti sotto forma di liste civiche alle elezioni amministrative di settembre. L'affondo arriva dall'ex assessore dell'amministrazione Ferraioli, Roberto Falcone, che poco dopo la costituzione del gruppo Lega in consiglio comunale ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni.

"Questi due simboli appartenenti a due coalizioni diverse in corsa per le prossime elezioni amministrative e mi domando: perché ingannare gli elettori? - ha attaccato Falcone - A farlo sono proprio coloro che, a costo di una irreparabile crisi di maggioranza, hanno voluto introdurre con forza un nuovo gruppo consiliare che si riconosceva in uno di questi due partiti. E che solo poco tempo fa si esprimevano, in un condivisibile appello, a favore del ritorno ai partiti e a discapito delle incolori, effimere e liquidissime liste civiche. Se fossi un tesserato o un semplice simpatizzante di uno di questi due partiti mi sentirei profondamente offeso da un trucchetto del genere".
 
A maggio del 2018 la costituzione del gruppo Lega in consiglio comunale è arrivata come un boomerang e ha determinato il passaggio all'opposizione del capogruppo Luigi D'antuono e le dimissioni di Falcone. Ora entrambi i partiti saranno presenti alle amministrative come liste civiche. Rispettivamente Noi con Cosimo Sindaco e Fratelli di Angri a sostegno di Alberto Milo. 
 
LE DIVISIONI
Uno scenario al quale si è giunti in seguito alle divisioni interne sulla scelta del candidato sindaco da sostenere e al mancato via libera all'utilizzo dei simboli da parte del coordinamento provinciale, che da giorni sta facendo discutere in città. E che sta facendo storcere il naso anche a coloro, che in seguito alla decisione del Pd di correre con l'ex sindaco Mauri hanno deciso di non candidarsi.
 
Il Mattino di Salerno del 27 agosto 2020
Lega e Fdi mollano i simboli, il centrodestra si conta con le civiche

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post