Campidoglio, Pd: non ci sono le condizioni per continuare. Ma Marino resiste

Pubblicato il

''Non ci sono le condizioni politiche per andare avanti''. È questa la linea del Pd sul possibile rientro in scena del sindaco dimissionario Marino, che ieri è tornato a parlare della possibilità "di verifiche politiche sull'esistenza di una maggioranza in consiglio''. "Ho 20 giorni di tempo - ha ricordato il primo cittadino della Capitale, sottolineando - durante la conferenza stampa indetta per chiarire la questione degli scontrini sospetti - di aver dato le dimissioni per essere ascoltato dalla magistratura come sindaco dimissionario". La linea dura del Pd è stata ribadita anche durante un incontro tra Orfini e i consiglieri comunali Pd.

Sarcastico il commento di Forza Italia su un possibile rientro in scena di Marino. "Consiglio al sindaco Marino un luogo, il migliore che ci sia, per verificare effettivamente se ha ancora una maggioranza: l'assemblea capitolina - ha dichiarato Dario Rossin, vice capogruppo di Fi in Campidoglio - Lì vedrà davvero se c'è ancora qualcuno che si ostina a sostenerlo o no. Lo potrà vedere con i suoi occhi, tutto alla luce del sole". Anche Sel frena ma non chiude del tutto alla possibilità di trovare una nuova maggioranza. "Alla luce di quanto si apprende dalla conferenza stampa - spiega in una nota il capogruppo Gianluca Peciola - confermiamo la nostra posizione. Il sindaco Marino venga in Aula Giulio Cesare a riferire sugli incidenti che hanno caratterizzato questa fase istituzionale, e soprattutto per far capire alle forze politiche e ai cittadini come intende far ripartire Roma".

Ignazio Marino

Ignazio Marino

Con tag Politica

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post