Squillante si candida per il nucleo di valutazione. Mauri: ''Se Ferraioli lo assume è una manovra politica''

Pubblicato il da Roberta Salzano

Rischia di creare un terremoto politico la candidatura di Antonio Squillante all'avviso pubblico, per la nomina del nucleo di valutazione delle performance. Due giorni fa l'ex direttore generale dell'Asl, appena sostituito da Antonio Postiglione all'azienda sanitaria su decisione della Regione, ha presentato domanda all'ufficio protocollo del comune di Angri, per la procedura di selezione in scadenza il 18 agosto. Una notizia che ha scosso gli alleati di Fratelli d'Italia, che vedono nella decisione del loro leader la volontà di mettere in atto un disegno politico più ampio. Sullo sfondo il rinvio della nomina del settimo assessore, in quota Fdi, nella giunta Ferraioli, che vede favorita la portavoce del movimento Maria D'Aniello. Apertura possibile solo in seguito alle modifiche dello statuto comunale, che secondo le intenzioni del sindaco Cosimo Ferraioli potrebbero avvenire dopo il consiglio del 10 settembre, convocato per discutere del bilancio di previsione, e approvare le tariffe Iuc, Tari e quelle relative ai principali servizi.

«Non c'è nessuna finalità politica nella scelta di prendere parte all'avviso pubblico - si è affrettato a chiarire Antonio Squillante, raggiunto telefonicamente - il mio incarico alla Asl di Salerno è in scadenza ed essendo un professionista di comprovata esperienza ho deciso di partecipare al bando, per l'assunzione di tre componenti del nucleo di valutazione delle performance. Spetterà al sindaco decidere se sarò all'altezza dei requisiti richiesti». Una scelta personale, destinata a far discutere soprattutto per i precedenti politici dell'ex manager; vice sindaco nell’esecutivo Mazzola tra il 2007 e il 2009, poi firmatario della sfiducia che mandò a casa il primo cittadino aprendo una lunga fase di commissariamento, culminata nelle elezioni del 2010. In quella circostanza dopo la rottura con Gianfranco D'Antonio, Squillante decise di sfidare insieme ad altri sei candidati Pasquale Mauri, per lo scranno di primo cittadino. Ma l'asse Mauri-D'Antonio ne decretò la sconfitta al turno di ballottaggio. Quindi la surroga in favore di Amalia Scoppa ad agosto del 2012, stampella dell'amministrazione Mauri fino alla fine della consiliatura, per andare a ricoprire il ruolo di manager dell'Asl.

Tra le fila dell'opposizione duro l'attacco dell'ex primo cittadino, Pasquale Mauri, che ha riservato dure stoccate a Squillante: «Una decisione che la dice lunga - ha spiegato - anche se sono abituato a giudicare i fatti. La cosa che più meraviglia è che un direttore dell'Asl si riduca a fare il componente del nucleo di valutazione del Comune, ma questa è una scelta personale che non discuto. Anche se non rinnego il fatto che l'eventuale assunziGone di Squillante possa far parte del disegno politico messo in atto dall'amministrazione Ferraioli-D'Ambrosio».

Fonte: Il Mattino di Salerno del 14 agosto 2015
 

Antonio Squillante

Antonio Squillante

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post