Ilva, concluso lo sciopero: no ai licenziamenti, cambiare piano

Pubblicato il

E' terminato lo sciopero delle ultime quattro ore del primo turno dei lavoratori diretti e dell'indotto Ilva - proclamato da Fim, Fiom, Uilm e Usb - per protestare contro l'annunciato piano di esuberi previsto dai piani industriali delle due cordate interessate a rilevare l'azienda. Dalla prossima settimana saranno programmate assemblee ed eventuali altre iniziative di mobilitazione, soprattutto se avverrà l'aggiudicazione definitiva dell'Ilva a uno dei due gruppi in gara e non dovessero esserci aperture rispetto ai licenziamenti. 

Una frangia di lavoratori avrebbe voluto, previo avallo dei sindacati, occupare simbolicamente, per 10 minuti, la strada statale Taranto-Bari: l'iniziativa, alla fine, è saltata grazie all'intervento di un gruppo di operai per il quale andrebbe bloccata la produzione e non penalizzata la città. I sindacati dei metalmeccanici erano usciti dal Mise insoddisfatti dell'incontro con il ministro Carlo Calenda e con i commissari. Hanno la consapevolezza che il 5 giugno verrà proclamata l'aggiudicazione ad Am Investco degli asset dell'Ilva e proprio per quella data tutte le sigle hanno indetto un'assemblea e manifestazioni a Genova e Novi Ligure. 

Ilva, concluso lo sciopero: no ai licenziamenti, cambiare piano

Con tag Cronaca

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post