Rimodulazione dei servizi comunali, il restyling di Ferraioli agita l'amministrazione

Pubblicato il da Roberta Salzano

Rischia di tramutarsi in un boomerang la decisione dell'amministrazione Ferraioli di trasferire il Personale nel settore Servizi sociali e di separare sport e cultura dalla pubblica istruzione, assegnandoli agli Affari generali.

Una decisione che ufficialmente servirà a «ottimizzare i servizi dell'ente», ma che oltre a modificare la struttura organizzativa, la denominazione dei due settori e invertire sul piano logistico i dipendenti in servizio, contrasta con le scelte effettuate due anni fa per la nomina dei responsabili dell'ente. Se non dovessero essere apportati correttivi, infatti, verrebbe disattesa la graduatoria stilata a febbraio del 2016 in seguito all'avviso pubblico indetto dal Comune per il personale interno di categoria D.

In particolare, nella parte in cui si dovesse decidere di confermare a capo dei servizi sociali, Alfonso Toscano, che si è posizionato quinto in graduatoria, e di collocare alle sue dipendenze Anna Palumbo arrivata invece terza. Modifiche, che nei giorni scorsi sono state al centro di un'aspra diatriba tra i gruppi consiliari Cosimo Ferraioli sindaco e Grande Angri, in pressing come già accaduto un anno fa per la gestione del personale. Terreno di scontro anche le procedure da adottare per la stabilizzazione del personale tecnico, con contratto di collaborazione coordinata e continuativa, secondo la circolare Madia per il superamento del precariato nella pubblica amministrazione. Novità riguarderanno, infine, l'avvocatura che diventerà una struttura autonoma apicale alle dirette dipendenze del sindaco, con margini di autonomia nelle attività svolte e senza vincoli di ingresso e uscita.  

Il Mattino di Salerno del 20 gennaio 2018

Rimodulazione dei servizi comunali, il restyling di Ferraioli agita l'amministrazione

Con tag Geolocal

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post